Verità Bibliche
Abbonarsi

Saul vs. Davide (PDF) Edizione PDF

Saul vs. Davide



Recentemente stavo leggendo in 1 Samuele la testimonianza dell’inizio del regno di Saul. Saul divenne re in breve tempo. Prima ancora di capire cosa stesse accadendo, si trovò ad essere re. Non aveva il carattere e le qualità necessari. All’inizio era un uomo umile; non riuscì persino ad uscire quando il suo nome fu chiamato (1 Samuele 10:22). Ma i figli d’Israele stavano facendo molta pressione per avere un re. Scommetto che non vedevano l’ora. Volevano un re e lo volevano subito! Non deve meravigliare, quindi, che Saul fece quella fine. La maggior parte di noi avrebbe fatto la stessa fine. Non avremmo saputo cosa fare, il nostro orgoglio sarebbe venuto fuori, e avremmo fatto un disastro non avendo il carattere e le qualità necessari. Non si tratta di sapere esattamente cosa fare, ma di avere il carattere per aspettare e scoprire che cosa fare. Mi sembra che Saul sia stato vittima della caparbia degli Israeliti. Ma poi arrivò Davide. Davide non fu subito re. Aveva la Parola di Dio sin dall’inizio, ma passarono molti anni e sembrava che questa Parola non si sarebbe mai realizzata. Stava combattendo nel deserto e nelle montagne e sembrava che quella parola gli avesse portato soltanto problemi. Aveva perso i suoi amici, la sua pace, il contatto con la sua famiglia e tutto questo a causa di quella parola. Perché Dio gli aveva detto quelle cose? Perché non lo fece diventare subito re? Perché Dio “lo trattò così male”? Se c’era qualcuno che aveva tanti perché senza risposta era proprio Davide. Ma il momento stabilito arrivò. Saul, come conseguenza della fretta degli Israeliti, morì. Mi dispiace davvero per lui. Non fu un errore di Dio, probabilmente non fu neppure un errore suo. Era principalmente un errore del suo popolo. Saul muore e Davide diventa re. Ci vollero molti anni. Ci vollero molte frustrazioni. Ci vollero molti perché. Ci vollero molte difficoltà. Avrebbe potuto morire in quegli anni. La sua vita era continuamente in gioco. Non era sicuramente quello che aveva sognato su Dio, sulla sua vita riguardo alla Parola di Dio che gli era stata detta. Ma il suo scopo era chiaro: dopo tutte queste cose, Davide ora era PRONTO per essere un re. Non avrebbe sbagliato. Poiché era stato preparato. Era stato addolcito. I suoi desideri erano stati sottoposti alla volontà di Dio ed erano stati messi nelle Sue mani. È terrificante quello che affrontò, ma è anche incoraggiante. Perché può accadere anche nella nostra vita. Ci domandiamo perché questo e perché quello. Perché Dio non fa le cose buone dall’inizio. Ma Dio vuole farci diventare come Davide, per farci apprezzare quello che apre davanti a noi. Saul ebbe cose buone subito ma le distrusse. Io amo la strada di Dio anche se a volte è dolorosa e assomiglia a un deserto. Perché il deserto finisce e inizia un nuovo giorno luminoso!

Anastasio Kioulachoglou

Italiano: Alesia M. (Christian-translation.com)